Limone, pistacchio o tartufo? Il salame come non lo avete mai assaggiato

Condividi su Facebook

Solo suini selezionati, ricette dell'antica tradizione locale e stagionatura lenta come insegna la migliore norcineria italiana: il classico salame al pepe nero della Macelleria Mattei è ormai ben noto oltre i confini locali ma qualcosa di nuovo e di totalmente inedito sta stravolgendo il settore tra l'entusiasmo e la curiosità di molti.

Parliamo di tre ricette diverse tra loro e legate ad altrettanti territori straordinari ognuno per un prodotto che Enzo Mattei ha pensato di abbinare al salame.

Parliamo del Salame al Pistacchio di Bronte, del Salame al Limone di Sorrento e del Salame al Tartufo.

Campania, Lazio e Sicilia: la punta di diamante di ogni regione e la sapiente lavorazione della rinomata macelleria di Fondi.

Il risultato? Lasciamo a voi il responso.

Il Salame al Pistacchio di Bronte

Il segreto del Salame al Pistacchio di Bronte è nelle materie prime: carne suina di prima scelta insaporita con sale e spezie e il pregiatissimo pistacchio di Bronte, direttamente dalle pittoresche colline catanesi.

Ed è proprio in autunno, quando la raccolta del gustoso frutto verde entra nel vivo, che la Macelleria Mattei intensifica la produzione di questo speciale salame.

Insaccato in budello naturale e stagionato lentamente, il salame al Pistacchio di Bronte è un'autentica specialità.

Questo prodotto può essere servito come "pezzo forte" in un tagliere-aperitivo di formaggi e salumi oppure assoluto, magari come spezzafame, per chi desidera assaporarne ogni sfumatura senza alterazioni di sorta.

Il salame al Limone di Sorrento

Stessa base aroma diverso, il Salame al limone di Sorrento è un'altra specialità Mattei che merita di essere raccontata.

Il preparato, derivante dai tagli più nobili del suino, viene poi insaporito con sale e spezie e impreziosito con la scorza del profumatissimo limone di Sorrento.

Il tutto, come sempre, insaccato in budello naturale e stagionato lentamente.

Il salame al Tartufo

Il Salame al Tartufo, come i suoi fratelli appena presentati e come la nostra speciale mortadella all'arancia bionda di Fondi, è un prodotto che profuma di territorialità.

Il preparato di tagli nobili del suino, sale e spezie viene poi insaporito e aromatizzato con del tartufo scorzone (tuber aestivum), raccolto nei boschi di Campoli Appennino (FR), dalla superficie verrucosa e nera e dalla polpa giallastra con numerose venature chiare.

Il tutto insaccato in budello naturale e stagionato lentamente.